Logo Gas Sicuro

  • Vigili del Fuoco
  • Gruppo Iren

 

 

Percorso gas

 

In questi ultimi anni, per quanto riguarda l’uso di gas combustibili ed in particolare per il gas naturale (comunemente indicato con il termine di metano), sono state emanate diverse disposizioni orientate principalmente alla salvaguardia della sicurezza ma anche a garantire un servizio efficiente e regolamentato a quello che è l’utilizzatore finale dell’energia fornita dal gas. Il Decreto Legislativo 23 maggio 2000, n°164 (Decreto Letta) ha portato diversi cambiamenti nelle fasi della filiera del gas e prevede misure atte a favorire la nascita di una pluralità di operatori e la possibilità per i clienti di scegliere il proprio fornitore. Il più sostanziale di questi cambiamenti è la separazione tra “Attività di distribuzione” e “Attività di vendita” prima affidate invece ad un unico soggetto. Si è provveduto quindi alla separazione societaria (il cosiddetto unbundling) di tutte le aziende di distribuzione del gas al fine di creare società di distribuzione e società che si occupino esclusivamente della vendita del gas. In questo modo, tutte le società che dispongono delle credenziali richieste per la vendita di gas, risultano equiparabili a quelle che invece disponevano di reti proprie. Possiamo quindi dire che:

 

  • la società di distribuzione si limita al servizio di trasporto del gas fino all'utente finale, comprensivo della gestione, della manutenzione e di tutte le attività connesse alla rete fisica di distribuzione. L’attività di distribuzione è attività di servizio pubblico attribuita tramite gara per un periodo massimo di 12 anni e affidata dagli enti locali ( Comuni, Unioni di Comuni e Comunità Montane ) attraverso contratti di servizio predisposti dall’Autorità per l’Energia Elettrica e il Gas al gestore del servizio.
  • la società di vendita svolge invece l'attività commerciale della fornitura del gas. L'attività di vendita è soggetta ad autorizzazione ministeriale ( da parte del Ministero delle Attività Produttive ) rilasciata in base a criteri di tipo tecnico - economico. Tra questi si possono ricordare le capacità tecniche e finanziarie adeguate, la disponibilità di un servizio di modulazione adeguato, la dimostrazione della provenienza del gas naturale etc.

Con la liberalizzazione del mercato, a decorrere dal 1° gennaio 2002 la vendita di gas naturale viene dunque effettuata unicamente da società che non svolgano alcuna altra attività nel settore del gas naturale, salvo l’acquisto e la rivendita del gas naturale.